Search
Saturday 15 December 2018
  • :
  • :

Grottaferrata, ”Fontanaccio”: ci pensano i cittadini?

Articolo di Fabrizio Giusti

Fonte: ilmamilio.it

il fontanaccio, litografiaCome per la madonna di Patmos o l’idea di un Teatro Stabile, le iniziative per il recupero dei siti danneggiati o abbandonati di Grottaferrata diventano opera dei residenti

Il Comune di Grottaferrata è in difficoltà economica? Non importa, ci pensano i cittadini. Questa è la moda corrente. L’Associazione ”La Tua Grottaferrata”, infatti, sembra essersi messa ala guida di un movimento di residenti animati dalla voglia di sistemare le cose che non vanno bene in prima persona e con i propri fondi. Una sorta di ”miracolo” del volontariato, questo, che dopo aver ristrutturato l’edicola mariana di Parco Patmos, imbrattata dai vandali, punta ora a due progetti sensazionali e di difficile compimento: il contributo alla realizzazione di un Teatro Stabile e al restauro del ”Fontanaccio”, la seicentesca vasca di Viale San Nilo da anni al centro delle polemiche a causa del suo mancato utilizzo o della cattiva manutenzione del sito.

Ora la nuova scommessa, che in questo caso, però, dovrà passare per forza di cose per i pareri e i responsi sulla fattibilità del progetto, il benestare della Sovrintendenza (l’area ha almeno quattro secoli di storia) e la capacità di saper concentrare la conservazione del bene e la possibilità di una fruibilità più ampia e al tempo stesso protetta.

Una parte di Grottaferrata ha deciso quindi di mettersi in gioco per contribuire alla salvaguardia o alla rinascita di alcuni angoli della cittadina rimasti isolati dal contesto della comunità. In tempi di magra (pare che le casse comunali non permetteranno grossi investimenti di qui ad un anno, se tutto va bene), una consolazione virtuosa.




One thought on “Grottaferrata, ”Fontanaccio”: ci pensano i cittadini?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*